Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Redazione NEC

Il Regolamento UE 2020/852 ha stabilito i criteri per determinare se un’attività economica possa considerarsi ecosostenibile: allo scopo di individuare il grado di ecosostenibilità di un investimento, ha introdotto nel sistema normativo europeo la tassonomia delle attività economiche eco-compatibili: una classificazione delle attività considerate sostenibili in base agli obiettivi ambientali dell’Unione Europea e al rispetto di alcune clausole di carattere sociale.

Successivamente, sono stati individuati i 6 obiettivi da conseguire per non arrecare danni significativi all’ambiente (DNSH – Do Not Significant Harm): la mitigazione dei cambiamenti climatici, l’adattamento ai cambiamenti climatici, l’uso sostenibile e la protezione delle acque e delle risorse marine, la transizione verso un’economia circolare, la prevenzione e la riduzione dell’inquinamento, la protezione e il ripristino della biodiversità e degli ecosistemi.

Seguendo la struttura della Tassonomia e dei DNSH, ICMQ (organismo di Certificazione specializzato nel settore delle infrastrutture) ha ideato un protocollo in grado di soddisfare le richieste dell’UE.
Il Protocollo Envision è una piattaforma che consente di verificare e misurare concretamente la sostenibilità di infrastrutture come autostrade, porti, ferrovie, aeroporti, insediamenti industriali, impianti, elettrodotti, centrali per energia, reti di telecomunicazioni, ecc.   
Un sistema di rating per le infrastrutture sostenibili che consente di analizzare la qualità di un investimento sia sulla sua efficacia economica che su temi sostenibili come il rispetto dell’ecosistema, il miglioramento della qualità della vita e l’efficienza energetica. 
Attraverso Envision è possibile misurare gli obiettivi DNSH e non solo: nell’analisi sono inclusi infatti anche i parametri economici e sociali. In sostanza, essendo coinvolti tutti i tre fattori ESG, il protocollo è addirittura più completo rispetto alle richieste europee, orientate esclusivamente sull’ambiente.

Una volta terminata la valutazione, sulla base del punteggio raggiunto, sarà rilasciata una certificazione green conforme alle richieste dell’UE.

Il Protocollo Envision è lo strumento giusto per applicare la Tassonomia Green dell’Unione Europea.